Presentato il Duomo dei giovani

Domenica 29 Settembre, presso l’area sportiva Duomo in via Ciro Menotti, si è tenuta la presentazione delle squadre 2019-2020 del G.S. Duomo, società sportiva che a Rovigo conta il numero maggiore di atleti iscritti e scuola calcio élite ormai da diversi anni.
Dopo la tradizionale S. Messa celebrata in chiesa dal Cappellano Don Enrico, cerimonia in cui i ragazzi del Duomo hanno offerto scarpe e pallone in segno di impegno per l’annata, ci si è recati al campo Duomo, dove, alla fine della partita degli allievi regionali (un pareggio con i blasonati de “La Rocca”), si è tenuto il saluto del Delegato della FIGC signor Pastorello e del Presidente Enrico Chiarion e sono state presentate le 12 squadre che parteciperanno ai diversi campionati e tornei 2019-2020. Circa 200 i ragazzi presenti, dai 5 anni dei piccoli amici ai 25 anni di qualche “veterano” della seconda categoria. Coordinati dal Vice presidente Vittorio Piombo, ogni Mister ha preso la parola per presentare la propria squadra, e una cosa è stata subito evidente: il Duomo 2019-2020 è
sempre più il Duomo dei giovani. Tanti, tantissimi atleti sotto i quattordici anni, ma soprattutto , tanti allenatori giovani di vent’anni o poco più e giocatori della prima squadra che sicuramente batteranno il record regionale della squadra più giovane nel campionato di seconda categoria.
Ma per chi conosce il Duomo da qualche tempo, altre due cose sono da sottolineare. La prima riguarda il “chilometro zero”: dai più piccoli fino alla prima squadra i ragazzi del Duomo vengono dalla nostra città e arrivano agli allenamenti e alle partite a piedi o in bici. E se questo a prima vista ha solo l’effetto di ridurre l’inquinamento in verità ha per lo meno due altri importanti effetti: manca al Duomo qualche campioncino che arrivi da venti o trenta chilometri di distanza e faciliti la salvezza nei diversi campionati regionali, e però in tal modo vengono difesi e valorizzati i colori calcistici della città, facendo giocare a livello regionale, in una squadra di Rovigo, ragazzi di Rovigo. Uno sforzo questo che crediamo andrebbe condiviso e premiato. La seconda evidenza riguarda la fedeltà dei ragazzi alla maglia del Duomo. Nella prima squadra, che milita nella Seconda Categoria regionale, il 90% dei ragazzi sono cresciuti al Duomo, sono arrivati timidi a cinque anni e oggi dopo circa 15 anni sono ancora qui attaccati a una maglia che ha dato loro tante soddisfazioni ma anche qualche delusione, senza tuttavia mai vederli mollare. Sembrano cose normali, ma per chi fa calcio oggi nel nostro Polesine sono cose straordinarie, che costano fatica ma che ripagano di tutto con i tanti sorrisi e il pranzo fatto insieme in una bella giornata come quella di Domenica.
E allora in bocca al lupo per una stagione faticosa e difficile a questo Duomo 2019-2020.