Una giornata da dimenticare che è meglio ricordare

Sabato 9 Aprile 2016, buio fitto al Duomo.  Non è saltata, come spesso accade, la luce, semplicemente si è oscurato il cielo bianco-azzurro dei sogni di allenatori e dirigenti Duomo.

E come è giusto che sia nel calcio, ad oscurarlo sono stati i gol: quelli del San Pio X rifilati ai nostri gioiellini 2003, in una partita dove le chiacchiere hanno superato nettamente le azioni di gioco; quelli del San Bortolo alla corrazzata pulcini 2005, davvero tanti; e soprattutto i due rifilati dalla Esedra di Padova alla nostra  juniores regionale, in una partita che molti davano per vinta, una partita che doveva garantire la permanenza alle regionali e invece precipita il Duomo a forte rischio play out. Di altri risultati non ho notizia,  e forse è quasi  meglio non sapere.
Parecchi al Duomo stanotte hanno dormito male, i più sensibili non c’hanno dormito per niente.
Eppure è giusto così. Per quanti (quasi tutti!) immaginavano già la prossima stagione  con ancora più squadre, magari più regionali, immaginavano una Rovigo, o addirittura una Provincia, dove il Duomo insegnava calcio sui campi e in aula a tutti, per tutti costoro  sabato 9 aprile dovrà essere una giornata da ricordare!

Per ricordare da dove veramente veniamo, per ricordare che ci sono anche le altre squadre (eccome!), per ricordare che nello sport serve sempre lavoro e soprattutto serve sempre tanta  umiltà.
Per ricordare che c’è ancora moltissimo da fare e che per fare dei passi avanti dal punto in cui siamo occorre essere uniti: vecchi e nuovi del Duomo, bravi e meno bravi, antipatici e simpatici. Tutti insieme, per chiudere qualche buco che si è aperto e lavorare, lavorare, lavorare.

Oggi è domenica e non so come andrà, certo nessun risultato di oggi riuscirà a far dimenticare la giornata di ieri.
Non è proibito sognare, anzi sono sempre stati i sogni il vero motore di questo gruppo, ma per ora  teniamo i piedi per terra e da lunedì non ci saranno più campioni o campioncini, maghi della panchina, dirigenti-manager (strapagati?). Solo un gruppo unito in cerca di pronto riscatto.
Da lunedì  si fermano le  chiacchiere e tutti a lavorare insieme per fare meglio, per riuscire a far dimenticare quanto prima  questo sabato da ricordare.
A dire la verità ce ne sono stati parecchi di Sabato 9 Aprile al Duomo, e per fortuna che ci sono stati: non saremmo certo arrivati fin qui.